indietro

Polmoni di maiale per trapianti umani.

Una sorprendente svolta medica che arriva direttamente dall'Australia.

19/02/2010
La ricerca medica non si ferma mai e continua a fare passi avanti. Un team di scienziati di Melbourne ha condotto uno studio che ha portato ad una importante scoperta: i polmoni dei maiali potranno essere ben presto trapiantati nell’uomo. I ricercatori sono riusciti, grazie all’aiuto di un ventilatore e di una pompa, a mantenere i polmoni "vivi" e perfettamente funzionanti, mentre al loro interno scorreva sangue umano. Il dottor Glenn Westall, che ha guidato la ricerca, ha dichiarato “Il sangue è entrato nei polmoni senza ossigeno e ne è uscito con l’ossigeno, che è esattamente la funzione di questi organi. Da questo esperimento è emerso che i polmoni stavano lavorando molto bene ed è esattamente quello che ci aspettavamo.” La svolta effettiva è arrivata solo quando gli scienziati australiani sono riusciti a rimuovere una parte del DNA del maiale che rendeva incompatibile gli organi del suino con il sangue umano. Negli anni precedenti i tentativi medici per combinare i polmoni di maiale e il sangue umano furono interrotti quando i ricercatori notarono la formazione quasi immediata di coaguli di sangue che bloccavano gli organi, impedendone un flusso normale. Nel corso dell’ultimo esperimento, invece, è stato aggiunto del DNA umano a quello dei maiali allevati proprio al fine di ridurre la coagulazione e i casi di rigetto nei polmoni, portando ad un esito sorprendente. Questo risultato rappresenta un importante progresso per la medicina rispetto agli esperimenti degli ultimi 20 anni, ma come spesso accade sono nati dibattiti e controversie, in particolare a livello etico. L’esperto di etica medica, il Professor Nicholas Tonti-Filippini, ha affermato che la creazione di maiali geneticamente modificati non è eticamente accettabile. "È fondamentalmente un maiale umano" - ha continuato il Professore – "un ibrido o comunque vogliate chiamarlo. Si tratta di capire se la comunità è disposta ad accettare una parte umana ed una parte animale”. Il trapianto di polmoni di maiali nell’uomo è comunque una prospettiva sempre più reale e gli esperti ritengono che potrà essere realizzato entro i prossimi 5 anni. Non ci resta che aspettare.
torna su