indietro

RENE ARTIFICIALE PORTATILE: SIAMO A UN PASSO

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Clinical Journal of the American Society of Nephrology fa il punto sulla sperimentazione del rene miniaturizzato che attende solo di essere testato in fase clinica.

23/08/2009
E' un'invenzione che potrebbe rivoluzionare la vita dei pazienti in dialisi. Il rene artificiale portatile e' quasi realta', secondo i tecnici dell'Universita' della California. Peso, all'incirca 5 chili, dimensioni come una cintura un po' piu' ingombrante. Per l'alimentazione elettrica basteranno due pile da 9 volt. Il dispositivo si potra' indossare anche di notte per ripulire i reni dalla scorie senza bisogno di ricorrere alle estenuanti e lunghe sedute presso i centri specializzati in dialisi. Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Clinical Journal of the American Society of Nephrology fa il punto sulla sperimentazione del rene miniaturizzato che attende solo di essere testato in fase clinica. Il modello allo studio ha infatti dei miglioramenti tecnichi, dalla superficie di ''filtraggio'' piu' ampia ad una maggiore ''vestibilita'''. ''Il rene artificiale portatile - promette Victor Gura, uno dei suoi 'brevettatori' - non solo ridurra' la mortalita' ma avra' delle ricadute positive sui costi dell'assistenza sanitaria''. In Italia sono 46.000 le persone in dialisi secondo le stime dell'Associazione nazionale emodializzati (Aned). Ogni anno ci sono 9.000 nuovi casi e circa 7.000 pazienti sono in attesa di un trapianto. vipas
torna su