indietro

Svizzera: è morto il primo trapiantato di cuore.

Ha vissuto 29 anni con un cuore nuovo. Quasi un record.

05/02/2014
Il ricordo del professor Augusto Gallino Si è spento domenica a causa di una grave infezione Silvano Colombini. Aveva 63 anni. Colombini, di Camorino, è stato il primo paziente a sottoporsi ad un trapianto di cuore in Svizzera, nel 1985. Da allora ha vissuto quasi ventinove anni con un cuore nuovo. “Ci sono al massimo tre pazienti in Europa che sono sopravvissuti oltre 28 anni dopo un trapianto cardiaco, e Silvano Colombini era uno di loro” ha ricordato sulle pagine del Corriere del Ticino il primario di cardiologia all'Ospedale San Giovanni di Bellinzona Augusto Gallino, il quale nel 1985 assistette all'intervento su Colombini effettuato dal professor Marko Turina della Clinica universitaria di Zurigo. Trent'anni fa, ha aggiunto Gallino, a Colombini erano stati dato soli due o tre mesi di aspettativa di vita. “È dunque abbastanza eccezionale il fatto che quest'uomo sia sopravvissuto, e sono stati trent'anni di vita praticamente regalati dalla generosità di quella persona sconosciuta, e dai suoi familiari, che hanno deciso di donare l'organo.” Quella di Colombini è quindi una storia che rappresenta un segnale di grande speranza per tutti quei pazienti che hanno subito di recente un trapianto o che sono in lista di attesa per farlo. Il primo trapiantato ticinese è deceduto a causa di un'infezione sopraggiunta dopo un trapianto renale, effettuato sei settimane fa a Zurigo. Ma fino ad allora ha potuto godere di una qualità di vita eccellente. “Si è sposato con l'infermiera che lo curava e ha potuto seguire le sue passioni, dalla montagna al giardinaggio. Ha insomma potuto fare tutto quello che avrebbe potuto fare da persona sana, pur con controlli molto regolari.”
torna su