indietro

Torino, doppio trapianto di fegato e staminali su un bimbo.

Prima volta in Italia.

12/08/2015
Dal Venezuela a Torino per un miracolo. Per la prima volta in Italia e tra le prime al mondo è stato effettuato con successo un doppio trapianto di fegato e di cellule staminali ematopoietiche su un bambino di otto anni affetto da sindrome di Iper-Ig M, presso la Città della Salute di Torino. Si tratta di un bimbo che vive in Venezuela e che è affetto da una rara e grave forma di immunodeficienza, la sindrome da Iper-Ig M, caratterizzata da livelli anormali di immunoglobuline, molecole glicoproteiche ad attività anticorpale indispensabili per un corretto funzionamento dell’immunità e per difendersi dalle infezioni. Proprio questa incapacità espone il bimbo ad un’infezione particolare, da Cryptosporidium parvum, che ha una particolare predilezione per il fegato, determinando nel tempo un grave quadro di epatopatia cronica, la colangite sclerosante. Il trattamento per correggere il difetto immunologico prevede il trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche da donatore. La compromissione epatica purtroppo indica che è necessario eseguire anche un trapianto d’organo. Dopo una valutazione congiunta tra il professor Mauro Salizzoni e la dottoressa Franca Fagioli, Direttori rispettivamente del Centro Trapianto di Fegato dell’ospedale Molinette e dell’Oncoematologia e Centro Trapianti dell’ospedale Infantile Regina Margherita della Città della Salute di Torino, si decide di eseguire per primo il trapianto d’organo, per consentire di affrontare il successivo trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche. Il bambino sta gradatamente ripredendo la sua quotidianità, insieme alla famiglia, ed è ora ricoverato presso l’Oncoematologia del Regina, diretta dalla professoressa Fagioli. (Alessandro Mondo, ilsecoloxix.it)
torna su