indietro

Torino: la scatola nera debutta in sala operatoria.

Così la tecnologia vigilerà sui chirurghi del Centro Trapianti di Fegato delle Molinette.

08/11/2010
Una scatola nera in sala trapianti, un occhio sempre vigile che registra e si può rilevare prezioso per rivedere le immagini, ascoltare le voci e verificare se sono stati commessi errori. «Vogliamo che ci sia la massima trasparenza», dice il direttore del centro trapianti di fegato dell'ospedale Molinette di Torino Mauro Salizzoni che fra pochi giorni accenderà le telecamere, audio e video, nelle due sale operatorie del centro torinese. «Le registrazioni serviranno per una maggiore sicurezza dei pazienti e per dirimere contenziosi fra medici e malati in presenza di contestazioni o casi di malasanità - spiega Salizzoni - e saranno utili anche nelle didattica per rivedere le procedure seguite in ogni singolo intervento».
torna su