indietro

Trapianti, 10.000 dollari per un rene.

Studio promuove donazioni a pagamento.

27/10/2013
Un rene da 10 mila dollari. É la somma che un gruppo di scienziati canadesi suggerisce di pagare ai donatori viventi, per superare la cronica carenza d’organi, risparmiare denaro e allungare la vita ai pazienti con grave insufficienza renale cronica. A promuovere il rapporto costo-benefici della «professione donatore» è uno studio pubblicato sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology (Cjasn), condotto da Lianne Barnieh, Braden Manns e colleghi dell’università di Calgary. In base ai loro calcoli, “pagare i donatori viventi di rene sarebbe una strategia meno costosa e più efficace rispetto all’attuale sistema di donazione d’organi”. Secondo il modello utilizzato dal gruppo di ricerca, una strategia che puntasse ad aumentare del 5% il numero di reni disponibili per il trapianto (“una stima molto conservativa”, puntualizzano gli scienziati) pagando al donatore 10mila dollari, produrrebbe rispetto al sistema attuale risparmi aggiuntivi pari a 340 dollari. E permetterebbe ai pazienti di guadagnare 0,11 ‘Qaly’, i cosiddetti ‘anni di anni di vita ponderati per qualità’. Adottando invece stime meno conservative, e quindi assumendo che i 10mila dollari pagati per un rene riuscissero ad aumentare del 10% o del 20% il numero di organi disponibili per il trapianto, i risparmi salirebbero rispettivamente a 1.640 e 4.030 dollari, e i ‘Qaly’ a 0,21 e 0,39. “Un programma del genere porterebbe a risparmi economici – spiega Barnieh - in virtù dell’aumento del numero di trapianti di rene e quindi della riduzione dei costi per la dialisi. Inoltre, incrementando il numero di persone che ricevono un trapianto di rene, si aumenterebbero anche la qualità e la quantità di vita per i pazienti con malattia renale in fase terminale”. In un editoriale di accompagnamento all’articolo canadese, Matthew Allen e Peter Reese dell’università della Pennsylvania (Usa) concordano con le tesi degli scienziati e propongono un programma di ricerca ad hoc. “I tempi sono maturi - affermano - per un sistema di incentivi finanziari alle donazioni di rene”. Quanto a dubbi e preoccupazioni di natura etica, secondo gli specialisti americani “rassicurazioni possono arrivare solo attraverso un’esperienza sul campo”. (Adnkronos Salute)
torna su