indietro

TRAPIANTI: IL RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

Il Segretario della Federazione dei medici di medicina generale ha ribadito che il ruolo del medico è fondamentale sia durante la fase preliminare al trapianto che nella fase successiva.

11/05/2008
In occasione della Settimana Nazionale della Donazione e dei Trapianti svoltasi dal 4 all’11 maggio, la Federazione Italiana dei Medici di Famiglia (FIMMG) ha espresso, tramite il Segretario Nazionale Giacomo Milillo, la posizione della categoria: “sul tema dei trapianti, il Medico di Medicina Generale può e deve svolgere un ruolo fondamentale sia nella promozione della donazione d’organo, sia nel supportare il paziente da sottoporre a trapianto d’organo, prima ed ancor più dopo l’avvenuto trapianto. Infatti il crescente numero dei pazienti trapiantati implica una gestione clinica ad hoc in quanto oltre il follow-up del trapianto, devono essere seguiti anche per eventuali altre patologie intercorrenti. È quindi assolutamente necessario creare un sistema che garantisca il trasferimento di informazione tra MMG e Centro Trapianti” ha sottolineato Milillo. “La normativa attuale che regolamenta i prelievi e trapianti di organi e tessuti attribuisce all’informazione un ruolo fondamentale ed inderogabile al fine di far conoscere le problematiche relative al trapianto ed alla donazione di organi, prevenire l’insorgenza di patologie che richiedono il trapianto e consentire una scelta “libera e consapevole” riguardo alla donazione. In questo contesto, il Medico di Medicina Generale assume, grazie alla sua vicinanza e al rapporto di fiducia con il cittadino/paziente, un’importanza fondamentale per la diffusione della cultura della donazione e necessita di un’adeguata formazione a riguardo”. Milillo ha inoltre aggiunto “da parte sua la FIMMG ha sempre seguito e sta seguendo con molta attenzione il tema della donazione d’organo e dei trapianti, con specifiche iniziative congressuali, ma anche con interventi formativi, residenziali e FAD (Formazione a Distanza), a favore di propri Medici e del Personale di Studio. Ne sono testimonianza i corsi organizzati con il Fondo Professioni nel 2005-2006 durante i quali abbiamo anche distribuito un apposito CD agli iscritti”. (vipas)
torna su