indietro

TRAPIANTI DI FEGATO SUI MALATI HIV POSITIVI: I PRIMI RISULTATI

Il centro nazionale trapianti ha presentato alla Commissione nazionale AIDS i primi dati sul programma nazionale iniziato nel 2002.

20/07/2005
Il Centro nazionale trapianti ha presentato alla Commissione nazionale Aids riunita oggi (20 luglio) presso il ministero della Salute, “l’attività del programma italiano di trapianto di fegato nei soggetti Hiv positivi”. I dati presentati evidenziano che, dal 2002, data d’inizio del programma, sono stati effettuati 18 trapianti di fegato da donatore cadavere presso quattro centri autorizzati sul territorio nazionale. In dettaglio 9 trapianti presso l’Istituto Regina Elena-Ifo a Roma, 4 all’azienda ospedaliera di Modena, 4 al Policlinico di Udine, 1 all’azienda ospedaliera Policlinico S. Orsola Malpighi di Bologna. Si tratta della seconda casistica europea dopo quella della Spagna. I risultati complessivi sono positivi con una sopravvivenza di oltre il 72% dei trapiantati, esito di poco inferiore alla media dei trapianti di fegato nei soggetti sieronegativi per Hiv. La ricerca sarà presentata al prossimo congresso della Società europea dei trapianti di Ginevra nel mese di ottobre. Nel valutare la sperimentazione la Commissione ha sottolineato: il valore etico della non discriminazione dei soggetti Hiv positivi rispetto agli altri nelle liste di attesa; il rigore nella conduzione della sperimentazione, verificato anche attraverso audit effettuati in tutti i centri autorizzati; il valore della collaborazione istituzionale tra la Commissione nazionale Aids ed il Centro nazionale trapianti che ha coordinato la sperimentazione. Come previsto dal protocollo un’analisi dettagliata della casistica sarà effettuata al raggiungimento del ventesimo trapianto. Fonte: Il sole24oresanita.
torna su