indietro

Trapianto di testa.

Scienza, fantascienza o bufala?

19/06/2013
LA NOTIZIA Il neurochirurgo italiano Sergio Canavero in un'intervista esclusiva rilasciata al settimanale “Oggi” (vedi allegati) ha dichiarato che “tra un paio di anni saremo in grado di effettuare un trapianto di testa”. Si tratta di un progetto pubblicato sulla rivista Surgical Neurology International (vedi allegato) e battezzato Heaven/Gemini, ovvero Head Anastomosis Venture with Cord Fusion), nome che indica la possibilità di fondere due diversi tratti di midollo spinale, quello di un corpo donato, col moncone nel collo del soggetto ricevente. Il donatore della testa e il candidato ideale per riceverlo sono rispettivamente “un individuo che ha purtroppo perso la vita per un trauma cranico puro, senza lesioni sostanziali a carico degli altri organi - spiega Canavero - o chi ha subito un ictus fatale; e (il ricevente) una persona affetta gravemente da una malattia neuromuscolare degenerativa o un soggetto tetraplegico”. E' possibile ricostituire la continuità del midollo spinale, il vero punto cruciale dell'impresa, spiega Canavero, con speciali materiali chimici (chiamati fusogeni o sigillanti di membrana) che sarebbero in grado di ripristinare l'integrità di un nervo tagliato. Le sperimentazioni in laboratorio condotte nel mondo dal 1999 a oggi ne indicano l'efficacia in tal senso. Fin qui le argomentazioni tecnico-scientifiche. Il progetto ha già scatenato polemiche e nei prossimi giorni certamente si aprirà anche un dibattito etico di proporzioni planetarie: perche' HEAVEN pone in pratica le basi per allungare la vita umana. “La societa' dovrebbe gia' cominciare a pensare al modo per regolamentare questa procedura”, riflette Canavero, “prima che un intervento rivoluzionario, progettato per fornire una terapia radicale a malati profondamente sofferenti, diventi una pratica spregiudicata nelle mani di chirurghi senza scrupoli”. E per dimostrare la validita’ dei suoi studi, cerca un finanziamento – 10 milioni di euro – per completare la ricerca. “Spero che l’Italia decida che questo progetto vale la spesa”, sottolinea Canavero, che respinge anche le accuse di chi sostiene che la pratica sia illegale. “Lo e’ trapiantare un cervello – spiega – ma questo e’ un trapianto di corpo, una donazione multiorgano. Non e’ quindi vero che si tratta di una pratica illegale”. LA LEGGE Legge 1 Aprile 1999, n. 91 - LEGGE QUADRO (G.U. n. 87 del 15 aprile 1999) Disposizioni in materia di prelievi e di trapianti di organi e di tessuti. Capo II - Art. 3 (Prelievo di organi e di tessuti) [...] Comma 3 É vietato il prelievo delle gonadi e dell’encefalo. [...] LE REAZIONI Alessandro Nanni Costa Direttore del Centro Nazionale Trapianti “La legge sui trapianti vieta quelli del cervello e degli organi genitali. È una questione di buon senso. Si tratterebbe di trapianti di strutture assolutamente complesse, di cui ancora ignoriamo tante cose. Atteniamoci alla sfera della realtà”. Giulio Maira Direttore dell'Istituto di Neurochirurgia dell'Università Cattolica “Ad oggi è pura fantascienza. Sono molto scettico soprattutto perché siamo lontanissimi da un trapianto di midollo che funzioni. Ci sono problemi tecnici enormi soprattutto perché è complicatissimo trapiantare un midollo: abbiamo difficoltà enormi anche in casi di trauma midollare, figuriamoci con un trapianto di testa. Secondo me non si dovrebbero alimentare illusioni, le notizie scientifiche vanno date con correttezza e chiarezza, senza annunci choc privi di riscontri”. Gilberto Corbellini Storico e filosofo della scienza dell'Università La Sapienza di Roma “Trapiantare la testa di una persona sul corpo di un altro è qualcosa di inverosimile dal punto di vista tecnico-scientifico e non plausibile dal punto di vista biologico, perché il cervello di una persona non funzionerebbe sul corpo di un'altra. Inoltre la persona sta nel cervello quindi eventualmente avrebbe più senso parlare di trapianto di corpo. Per di più, siccome il cervello si struttura in funzione del corpo su cui si sviluppa, è capace di controllare solo quel corpo che gli ha consentito di svilupparsi. Quindi non sarebbe sintonizzato sull'anatomia di un nuovo corpo. Trapiantare un corpo a una testa ha lo stesso valore che tenere un cervello artificialmente in vita. Da un punto di vista etico il problema è consentire alla persona, se vuole, di mantenersi in vita attraverso il mantenimento in vita del suo cervello,ma stiamo su un piano fantascientifico. Prima che un problema etico vedo un'idea sbagliata sul fatto che il cervello di qualcuno possa controllare il corpo di un altro individuo. Il cervello ha una sorta di mappa del corpo che controlla, quindi non si sa cosa avvertirà nel suo nuovo corpo, probabilmente non avvertirà nulla”. Francesco Di Meco Direttore del Dipartimento di Neurochirurgia dell'Istituto Neurologico “Carlo Besta” di Milano “É molto improbabile che si arrivi a breve a eseguire un trapianto di testa, che abbia una sua efficacia funzionale. Mi sembra un progetto estremamente complesso tra l'altro con gravi risvolti etici: se riuscisse sarebbe foriero di risultati straordinari, al limite della fantascienza. Ma ho forti perplessità' sul fatto che le tecnologie a disposizione consentano in pochi anni un risultato efficace, anche perché se così fosse avremo risolto tutti i problemi di lesioni spinali, le paralisi, sarebbe una svolta da premio Nobel. La vedo assai improbabile”. Mario Riccio Consigliere generale dell’Associazione Luca Coscioni e anestesista presso l’ospedale di Cremona “Considero una vera bufala la parte dell’articolo anticipato dal sito della rivista Oggi in cui il neurochirurgo Sergio Canavero ha dichiarato di essere pronto al primo trapianto di testa. In primo luogo perché non si tratterebbe concettualmente di trapianto di “testa”, ma esattamente il contrario: proprio la testa (cioè il cervello, ossia la “persona” ) rimarrebbe la stessa. Eventualmente verrebbe sostituito il resto del corpo. In seconda analisi, il problema di “riconnettere” il midollo vertebrale è assolutamente lontano dall’essere risolto. Se fossimo così vicini si potrebbero guarire le migliaia di para/tetraplegici. Tali notizie possono creare false speranze nei malati spinali. Insomma un caso Stamina in neurochirurgia”.
torna su