AIDO Regionale Emilia-Romagna

www.aido.it/bologna__regionale_
« indietro

PARMA, TERRA DI “MILLE PATRIE”

04/08/2010
Come la confinante provincia di Reggio Emilia, il territorio parmense è meta di crescente immigrazione straniera. I dati parlano chiaro (2008): gli stranieri residenti nella provincia di Parma sono più che quadruplicati in 10 anni, cioè oltre il 10% del totale dei residenti; gli studenti di cittadinanza non italiana sono arrivati al 13,4% della popolazione scolastica; nel 2008 la componente femminile, per la prima volta, ha superato quella maschile, fenomeno determinato in misura considerevole dall’incremento dei ricongiungimenti famigliari e quindi da processi di stabilizzazione a lungo termine. È palese l’apporto che gli stranieri hanno fornito al ringiovanimento della popolazione provinciale, alla ripresa della natalità, alla riduzione del declino demografico della provincia parmense. Parma è pure terra ricca di associazioni di volontariato, che si nutrono di ideali di civiltà, solidarietà ed accoglienza certamente diffusi nella popolazione, nonostante le evidenti e crescenti problematiche economiche e culturali. Questi due aspetti della realtà si uniscono egregiamente nel progetto di informazione e sensibilizzazione alla donazione di organi, midollo osseo e sangue da cordone ombelicale verso le comunità di immigrati della Provincia di Parma, denominato “Le mille patrie – Il diritto di donare”. Come in altre esperienze della Regione, molti sono i soggetti coinvolti, in una collaborazione propiziata dalla comune appartenenza al Comitato Provinciale “Una scelta consapevole”. Ci sono quindi AIDO Provinciale Parma, ovviamente, ADISCO Regionale e ADMO Regionale; ma danno il loro importante contributo anche la Provincia di Parma, i Comuni capoluogo dei Distretti sanitari, le Aziende Sanitarie (Usl e Ospedaliero-Universitaria), l’Università, l’Ufficio Scolastico Provinciale, la Diocesi, l’Ordine dei Medici e infine l’ANED (Associazione Nazionale EmoDializzati). Non manca il significativo supporto del Centro di Servizio per il Volontariato in Parma “Forum Solidarietà”, e soprattutto delle Associazioni di Volontariato e Promozione Sociale composte prevalentemente da cittadini stranieri. Il progetto è articolato in quattro fasi, che si svilupperanno da settembre 2010 a giugno 2011. Prima fase “La conoscenza reciproca” – In 6/7 incontri territoriali tra i responsabili delle Associazioni di immigrati ed i volontari delle Associazioni promotrici si cercherà di conoscersi e di creare un tessuto di relazioni stabili tra Volontariato, Comitato Provinciale e l’Associazionismo legato alle varie culture presenti sul territorio, rilevando altresì il grado di conoscenze sul tema della donazione di organi, tessuti, midollo osseo e sangue da cordone ombelicale, nonché sui relativi trapianti, e identificando le radici culturali e storiche delle varie comunità presenti sul territorio. Seconda fase “L’informazione e la sensibilizzazione: il diritto di donare” – È il momento dell’incontro tra le varie Comunità di immigrati con volontari delle Associazioni promotrici e altri rappresentanti dei soggetti istituzionali componenti il Comitato Provinciale di Parma: 10 riunioni territoriali per fornire informazioni corrette sui temi importanti delle donazioni oggetto del progetto, avendo presente la situazione culturale di partenza, e sensibilizzare ai valori della solidarietà e della responsabilità civile, portando altresì a conoscenza delle comunità di immigrati presenti sul territorio, il grande patrimonio rappresentato dal Volontariato locale. Terza fase “Informazione, scelta e condivisione: i passaggi di una scelta consapevole” – Partendo dalla valutazione degli incontri informativi e dall’analisi e selezione del materiale fotografico e documentale, sarà progettato ed avviato a realizzazione un opuscolo multilingue per l’informazione e la sensibilizzazione della donazione di organi, midollo osseo e cordone ombelicale, da distribuire capillarmente alle Associazioni di immigrati del territorio e nei punti informativi dell’Azienda Usl, ed eventualmente presso i medici di medicina generale dell’intero territorio provinciale di Parma. Questo snodo del lavoro è quello che avrà i maggiori effetti sui soggetti organizzatori, favorendo una sinergia che si traduce in crescita delle capacità di analisi, e miglioramento della comunicazione della donazione. Quarta fase “Mille patrie, mille colori” – Presentazione pubblica del progetto e dell’opuscolo informativo nell’ambito della Festa Multiculturale di Collecchio (giugno 2011), per condividere con la cittadinanza il percorso compiuto ed esaltare l’efficacia della sinergia fra soggetti diversi – volontariato, associazionismo, istituzioni – mirata alla promozione di importanti valori quali integrazione e solidarietà.
torna su