AIDO Provinciale Latina

www.aido.it/latina
« indietro

"Staffetta per la vita"- Sabaudia e Pontinia

05/07/2015
I Gruppi comunali AIDO di Sabaudia e Pontinia, consapevoli che le due Comunità pur diverse come origini, vocazioni territoriali e storia hanno in comune la stessa sensibilità verso le situazioni di umana difficoltà che attraversano, ormai quotidianamente, la vita nel nostro Paese: dall’immigrazione, alla convivenza con etnie diverse, alle epidemie ai terremoti. Aspetti di un mondo sempre più globale che monopolizza la nostra attenzione su grandi tragedie in cui poco direttamente si può fare, ma in ogni caso non ci si esime dal testimoniare la solidarietà. La finalità dell’AIDO è però quella di riportare alla riflessione di tutti, la malattia che provoca un percorso spesso lungo di sofferenza e un’intima apprensione personale che sono vissute nel quotidiano vivere della Comunità: dagli amici, conoscenti o cittadini, in modo dignitoso e non appariscente, ma anche nelle Comunità a noi vicine in ambito regionale oltre che nazionale. Mi riferisco alle persone in attesa di un trapianto che nel loro percorso di malattia hanno quest’ultima possibilità per tornare ad una vita non più di sofferenza continua, ma solo di vigile attenzione alla malattia sofferta. Nei Gruppi comunali AIDO, da una riflessione sul ruolo attivo dell’Associazione nasce l’esigenza di testimoniare il sentimento di solidarietà alle sofferenze di quanti sono in attesa di un trapianto. Ricordando che nel 2014 sono stati effettuati 3.037 trapianti mentre sono in attesa di un trapianto 8.758 persone e, come fanno notare i Responsabili dei Centri Trapianti, molti di loro in lista di attesa non ce la fanno ed è la cosa più terribile per una persona sapere di avere i giorni ormai segnati da una malattia che accorcia il proprio tempo. E’ quindi importante far conoscere nelle Comunità le tematiche della donazione degli organi per rafforzare il sentimento di solidarietà per la situazione di umana difficoltà e poi perché rappresentano, per migliaia di persone, una possibilità di vita o di migliorare sensibilmente la propria condizione di salute. Ricordiamo inoltre, che la donazione degli organi non è una prassi che si può adottare in tutti i casi di un decesso, ma solo in presenza accertata e conclamata di una morte cerebrale e quindi di una situazione di irreversibilità della coscienza. La corretta informazione sugli aspetti dell’accertamento della morte e della conseguente possibilità di donare gli organi, per riportare alla vita attiva diverse persone contemporaneamente è una delle azioni dell’AIDO. L’AIDO vuole anche incentivare la Comunità all’osservanza di corretti stili di vita che si imparano soprattutto da piccoli e si consolidano da grandi: nella corretta alimentazione ma anche nell’attività sportiva e nel rifiuto dell’uso di alcol, droghe e tabacco. La corsa in particolare e le discipline atletiche in generale, aiutano a mantenere una salubrità del fisico che allontanano sicuramente la necessità di ricorrere a cure mediche e forse anche ad un trapianto di organo. Sabaudia e Pontinia si caratterizzano per vocazione una e per passione l’altra per la possibilità di frequentare numerose attività sportive e palestre che sono effettivamente frequentate dalle persone di tutte l’età e quindi la “Staffetta” è sembrata la migliore manifestazione di solidarietà che attualmente si poteva realizzare per portare all’attenzione le tematiche affrontate dall’AIDO e per promuovere corretti stili di vita. Alla manifestazione hanno dato il loro Patrocinio le Amministrazioni comunali di Sabaudia e Pontinia, la Regione Lazio, la Provincia di Latina, la Proloco di Sabaudia e il G.A.P. di Pontinia. Inoltre, hanno aderito molte Associazioni del territorio che hanno offerto il loro aiuto. Il Centro Trapianti Regione Lazio presso l’Ospedale “S. Camillo” insieme all’Associazione Nazionale Autieri d’Italia - ANAI, hanno aderito alla manifestazione e organizzeranno un punto informazioni a Pontinia. Sono previste riprese televisive curate da “Pegaso TV” che rilancerà in streaming le immagini della manifestazione. La fiaccola della “Staffetta per la vita” verrà accesa da una persona che, grazie al trapianto di organi è tornata in mezzo a noi con grande vitalità e entusiasmo per la nostra missione. I Gruppi comunali AIDO di Sabaudia e Pontinia ringraziano tutti le persone che spontaneamente hanno aderito e prestano il loro prezioso aiuto, gli Enti locali, le Associazioni e soprattutto le Società sportive che con il loro impegno svolgono un’azione fondamentale per la salute delle Comunità di Sabaudia e Pontinia meritando il nostro plauso e sostegno nell’interesse di tutti e che il 5 luglio porteranno orgogliosamente e con gioia il simbolo dello sport per eccellenza: la fiaccola olimpica nel ricordo di “Roma 1960” a testimonianza di un principio morale e universale come quello della solidarietà, in questo caso alle persone che soffrono in attesa di un trapianto. Il Presidente del Gruppo comunale AIDO di Sabaudia Nicolò Roberto Perdicaro Il Presidente del Gruppo comunale AIDO di Pontinia Alessandro Tognato
torna su