AIDO Provinciale Piacenza

www.aido.it/piacenza
« indietro

Rivergaro per i “donatori di vita”. Sulla statale 45 a Niviano collocato un cartello su iniziativa di Comune, Avis, Aido e Admo.

26/02/2016
Rivergaro per i “donatori di vita”. SULLA STATALE 45 A NIVIANO: Un invito alla solidarietà in memoria di Angela Cappello. Collocato un cartello su iniziativa di Comune, Avis, Aido e Admo Il Comune di Rivergaro è diventato in questi giorni il primo in Italia “a sostegno dei donatori di vita”. O almeno è l’unico che lo ha fatto in maniera aperta e decisamente evidente grazie a un grosso cartello che è stato collocato a Niviano, lungo la Statale 45, all’ingresso del paese. Un monito per ricordare agli automobilisti di passaggio il valore della donazione che racchiude allo stesso tempo Avis, Aido e Admo senza campanilismi di sorta, ma anche un gesto che è stato dedicato alla memoria di Angela Cappello, ex presidente di Admo Piacenza, scomparsa un mese fa. Anche se il cartello con la scritta “Comune a sostegno dei donatori di vita” è stato posizionato già da qualche giorno, ieri è stato ufficialmente inaugurato da parte del referente locale di Aido Michele Lizzori - mente dell’iniziativa - assieme alla presidente provinciale di Avis Laura Bocciarelli, il presidente provinciale di Aido Luigi Baldini e il referente provinciale di Admo Mauro Malaspina, assieme al sindaco di Rivergaro Andrea Albasi e gli altri volontari delle varie associazioni. «L’idea è venuta dopo un recente gemellaggio della nostra sezione con quella di Trezzano sul Naviglio, nella quale il bolognese Renzo Boni ha raccontato della nipotina di due mesi che ha ricevuto un trapianto di una parte di fegato dalla madre» racconta Lizzori. «Lì si è pensato a come fare per comunicare il nostro impegno e ci è venuto in mente il cartello. Da lì ho coinvolto l’amministrazione comunale di Rivergaro e ho pensato che fosse giusto estendere il messaggio anche ad Avis e Admo: così si è scelto di omaggiare tutti i donatori di vita». Il cartello, che è stato realizzato e finanziato dal Comune, è stato posizionato a Niviano quale “porta” d’accesso al territorio comunale per chi arriva da Piacenza e si contraddistingue – come ha ricordato il sindaco Albasi - per la potenza del suo messaggio e la collaborazione con l’amministrazione, «che non si è mai sottratta al coinvolgimento». Ma è anche una prova tecnica di collaborazione tra le tre associazioni. «l “donatori di vita” sono nati nel 2010 con una biciclettata tra Aido e Avis e da allora abbiamo cercato di abbattere le differenze tra di noi per dare un unico messaggio comune» ricorda Baldini. «Un aspetto non usuale - come ricorda Malaspina - perché Avis, Aido e Admo sono simili ma molto diversi e non è sempre facile mettere tutti d’accordo». Baldini, a nome di tutti, ha poi voluto “dedicare” il cartello ad Angela Cappello, che è stata anima dell’Admo fino alla sua scomparsa. Chissà che quest’idea dei cartel li “della solidarietà” non si diffonda anche ad altri paesi. Libertà.it, Il portale di Piacenza
torna su