AIDO Regionale Emilia-Romagna

www.aido.it/bologna__regionale_
« indietro

CONCERTO SU OTTO RUOTE A S.LAZZARO DI SAVENA

30/01/2011
Anche nel 2011, AIDO Provinciale Bologna affianca l’associazione “Yuri una vita che continua” nella promozione dello spettacolo “Concerto su Otto Ruote”. L’evento, giunto alla 5^ edizione, è in programma per domenica 30 GENNAIO, ore 15:30, al PALASAVENA in via Caselle a S.Lazzaro di Savena (BO). Yuri – un grande esempio di passione per lo sport, e di gioia di vivere, ma anche di impegno nello studio, di amore per la famiglia, di altruismo – muore il 31 gennaio 2006, a 22 anni, in seguito ad un incidente stradale. E la famiglia, assecondando il suo pensiero, rende possibile il prelievo degli organi, che ora consentono a tante persone di vivere o vivere meglio. “Yuri una vita che continua” è l’associazione che la famiglia Bernardi ha fondato a seguito della scomparsa del giovane, per trasformare un dolore immenso in solidarietà. Con la prima edizione dello spettacolo, nel 2007, nasce il “Progetto Bolivia, operazione Mattone su Mattone”, che si pone l’obiettivo di sostituire le capanne del villaggio di Hardeman con casette di mattoni, come quella in cui vivono oggi Yuri e Alice, i due fratellini adottati dalla famiglia Bernardi. In Bolivia le casette in costruzione sono ora otto. Grazie anche ad altre donazioni, è stata inoltre edificata la scuola postdiploma “Scuola Tecnica Yuri”, che insegna ai ragazzi di Hardeman una professione, per favorire il loro inserimento nel tessuto lavorativo. Un secondo progetto, “Il trapianto, la vita che continua”, nasce nel 2009 grazie alla collaborazione con il Centro di Riferimento Trapianti dell’Emilia-Romagna. L’obiettivo è di acquistare attrezzature mediche da donare al Policlinico S.Orsola – fra cui un carrello endoscopico ed una poltrona su ruote, già operativi nelle corsie del Centro Trapianti – per sostenere alcune attività legate alla donazione degli organi e per il miglioramento delle condizioni di vita dei trapiantati in ambito ospedaliero. Sempre nel 2009, a seguito del terremoto che ha devastato l’Abruzzo, nasce il progetto mirato ad aiutare la popolazione colpita, che – avvalendosi della collaborazione con l’associazione “Novanta” di Rita Zironi – realizza la consegna immediata di denaro e beni di prima necessità. Anche dall’edizione 2010 dello spettacolo sono venuti fondi per l’acquisto di cibo e medicinali al medesimo scopo. Il “Concerto su Otto Ruote” è il fulcro della raccolta dei fondi che sostengono tali progetti. La presenza ogni volta di 3.000 persone in media, ha consentito di destinare finora oltre 85.000 euro ai progetti dell’associazione “Yuri una vita che continua”; il ricavato dell’edizione 2011 sarà devoluto a “Il trapianto, la vita che continua” e “Un aiuto per l’Abruzzo”. L’evento, che unisce pattinaggio artistico e danza, si differenzia dagli altri dello stesso genere per la grande attenzione al mondo della musica classica, compresa quella operistica in particolare di “Carmen” e “Barbiere di Siviglia”, protagonista insieme ai fratelli Bernardi della conquista del titolo europeo seniores nel 2005: splendida musica eseguita dal vivo da un’orchestra, da cantanti solisti e coro, e calata in un contesto di assoluta eccellenza agonistica. “Yuri una vita che continua – Concerto su Otto Ruote”: domenica 30 GENNAIO 2011, ore 15:30, Palasavena in via Caselle a S.LAZZARO DI SAVENA (BO). Biglietto intero € 15; biglietto ridotto € 9 (per bambini dai 5 ai 10 anni e accompagnatori di persone diversamente abili); ingresso gratuito per bambini fino a 4 anni e persone diversamente abili. PREVENDITA biglietti anche presso AIDO Provinciale BOLOGNA, via Alessandro Tiarini 21/2 – tel. 051358470 (meglio verificare l’orario d’apertura sede). È possibile acquistare il biglietto anche in numerosi esercizi commerciali di Bologna e di S.Lazzaro di Savena, nonché online: ogni informazione utile in proposito è reperibile nel sito www.yuribernardi.it, insieme al nutrito programma dell’evento, a dettagliate notizie sull’attività dell’associazione “Yuri una vita che continua”, e all’elenco dei tanti enti pubblici e privati che la sostengono a vario titolo.
torna su