AIDO Provinciale Pesaro e Urbino

www.aido.it/pesaro__pu_
« indietro

Alternanza scuola-lavoro al Liceo Mamiani di Pesaro

21/11/2017

Si rinnova presso AIDO Pesaro, nell’anno scolastico 2017/2018, l’esperienza dell’Alternanza Scuola Lavoro avviata nel biennio 2016/2017. Sei studenti del Liceo Classico Mamiami - Indirizzo Linguistico, grazie all’iniziativa della professoressa Giovanna Nigro, hanno accettato di dedicare le ore previste presso un’Associazione di Volontariato. Tutor dell’iniziativa sarà ancora una volta Gabriele Riciputi, vice presidente di Aido Marche e Presidente di AIDO Pesaro: “Ringrazio i ragazzi che hanno accettato la proposta. Sarà per loro un’occasione preziosa di maggiore conoscenza della nostra attività e per noi un supporto importante per ampliare l’opera di sensibilizzazione verso l’esterno”.

A seguire, la “sfida” affrontata dai ragazzi al termine del primo giorno in AIDO: descrivere nelle lingue che studiano a scuola i motivi che li hanno spinti ad accettare la proposta.

NICCOLO’ MANCINI (4F)
“J’ai eligè cet type de travail parce que il peut etre important pour moi, j’espere je vais apprendre beacoup cet annè. On parlera d’un theme très important pour notre vie. Je savais quelque chose sur l’AIDO et. À mon avis, je vais connaitre beacoup des choses importantes et sourtout interesantes, parce que le travail que fait l’AIDO est vraiment utile. En realitè, l’AIDO s’occupe à aider des personnes qui ont besoin et selon moi, aider les personnes cet une chose magnifique. Donc, maintenant, je dois seulment penser à travailler”.

GIAMMARCO MAZZA (4F)
“I choose AIDO because my religion’s teacher told me last year; she thought that I was able to do this project and I accepted. I didn’t know what this Association was, I only knew that it was voluntary. In the first meeting, M. Nigro told us that AIDO talks about donation of organs to the people who really need them. It’s really important, delicate and sensitive the aim of association, all of us could need AIDO’ help, so for that reason, it’s important to spread the meaning of AIDO”.

SOFIA SERAFINI (3A)
“Ante todo es necesario aclarar que antes del mes pasado no conocìa muy bien AIDO, nadie me habìa nunca hablado de esta asociaciòn; sabìa màs o menos que era: un ente que se ocupa de la donaciòn de organos y telas, de una persona cerebralmente muerta a una otra todavìa viva pero con graves enfermedades. Fue solo despues que mi profe, Nigro me habìa propuesto un corso de formaciòn como volontaria a AIDO al fìn de terminar las horas de alternancìa y el primero encuentro en oficina que decidì enformarme un poco mas. Primero no me emocionaba trabajar aquì, pero ahora que sé todos los projectos, los trabajos y sobre todo sé con mas precisiòn lo que hace AIDO he cambiado opiniòn. Creo que muchisìmas personas no saben que es AIDO y por que es asì importante, creen que a ellos nunca verà a necesitar una donacciòn de organos; pero tambièn ellos no saben que la probabilidad que van a encontrarse en una situacciòn de necesitad es cuatro veces superior a la que se veràn e recebirne uno. Para concluìr, en mi opinione muy importante sensibilizar la gente sobre esto tema, en la esperancìa que un dìa el numero di signaturas en AIDO aumentaràn y proporzionalmente, lo de donaciònes”.

ALICE BIAGIONI (3A)
“I chose AIDO as ‘alternation school-job’ because I thought it was a good chance to understand what this association really is. Before Mr.s  Nigro told us about it had never heard of it. I knew it was possible to donate organs but I didn’t know how it happened and even less  that there was an association to run it. I’m sure that being part of AIDO is very important because you have the possibility to get in touch with people that experienced a transplantation or with the relatives of the giver, who will be able to narrate their story. I believe that the “ignorance”  of people, about the topic, is based on the fact that they are unaware of that they could need a transplantation, so they’re not even interested in it. That’s why it is important to divulge and make known AIDO and its purpose”.

LUDOVICA RUBINACCI (3H)
“Frequento la classe 3H del”Liceo Classico,Linguistico T.Mamiani” e come previsto dalla legge, a partire dal triennio gli studenti sono tenuti a compiere 200 ore di alternanza scuola lavoro, ore che preparano lo studente ad un futuro lavorativo. Mi è stato proposto dalla prof. Di religione di prendere parte nell’associazione dell’AIDO: associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule, come aiutante per la pagina Facebook. Avevo già sentito parlare di AIDO con Asia, una ragazza che ha subito 2 trapianti di polmoni ma personalmente non sapevo che cosa si nascondesse dietro a questa associazione e tutto il lavoro che viene portato a termine. Ancora non ho fatto molte ore di scuola lavoro nell’associazione, ma sono contenta di poter scoprire meglio questo mondo che dona una seconda chance a coloro che pensano di non averla”.

GAIA COSTANTINI (3H)
“Abbiamo deciso di fare le nostre ore di alternanza scuola lavoro previste dalla legge presso l’AIDO. Personalmente, ne avevo solamente sentito parlare tramite una mia amica che conosce Asia D’Arcangelo, una ragazza di Pesaro che ha subìto due trapianti di polmoni . Dopo che la mia professoressa di religione mi ha proposto di prestare servizio presso l’AIDO, e dopo che me ne ha parlato più approfonditamente, ho ritenuto che entrare a far parte di questa associazione di volontariato fosse una bellissima esperienza in quanto aiuta le persone ad avere una vita migliore”.  

torna su