AIDO Provinciale Monza e della Brianza

www.aido.it/monza___brianza
« indietro

VISITA DELL’A.I.D.O. DI VILLASANTA ALL’AVIONORD DI LINATE

09/05/2011
Accompagnato dal Presidente Provinciale dell’A.I.D.O. di Monza e della Brianza Lucio D’Atri venerdì scorso il Gruppo A.I.D.O. di Villasanta ha visitato a Linate la sede della società AVIONORD, specializzata nel trasporto di organi per i trapianti. Poco è conosciuta l’attività di questa compagnia aerea, che però da anni fa un lavoro difficile e delicato quale quello di trasportare gli organi appena prelevati ad un donatore anonimo e generoso in un ospedale di una città fino ad un’altra città, dove verrà effettuato il trapianto su di un paziente che lì è in attesa con la trepidazione immaginabile. Lavoro difficile, perché è necessario il rispetto di tutte le procedure aeree per volare in sicurezza anche in condizioni meteorologiche non ottimali per arrivare in tempo utile per il trapianto e lavoro delicato, perché l’organo appena prelevato deve arrivare integro e non avariato ai chirurghi che lo attendono per trapiantarlo e salvare una vita umana. L’incontro, voluto dal Presidente del Gruppo A.I.D.O. di Villasanta Sergio Casiraghi per i volontari del suo Gruppo Comunale, si è svolto all’Aeroporto di Linate in una bella giornata di sole; ad accompagnare i visitatori, che hanno dovuto superare tutti i controlli per entrare nell’area protetta fino agli hangar dove sono ricoverati gli aerei e gli elicotteri della Compagnia sono stati il dr. Daniele Poggiaro, Direttore Generale dell’AVIONORD ed il Comandante pilota Francesco Za. Dopo aver illustrato l’operatività della centrale di comando, sempre collegata con la rete degli Ospedali e dei Centri Interregionali di Riferimento per la raccolta degli organi e la loro assegnazione ai trapiantati in lista d’attesa, i dirigenti dell’AVIONORD hanno anche offerto un simpatico rinfresco ai visitatori e del materiale informativo, opuscoli e DVD ai visitatori Dopo questa visita i volontari dell’A.I.D.O. della Brianza sono ripartiti con l’accresciuta consapevolezza delle difficoltà che medici, infermieri, personale tecnico ed amministrativo, piloti di aerei, elicotteri ed autoambulanze devono affrontare per portare a termine un singolo, prezioso trapianto che salverà una vita umana.
torna su