AIDO Provinciale Monza e della Brianza

www.aido.it/monza___brianza
« indietro

Conferenza A.D.M.O. & A.I.D.O. - Giussano

12/03/2019

Sold out per la conferenza di ieri sera su donazione e trapianto di midollo osseo, organizzata da A.I.D.O. Giussano e da A.D.M.O. Interessanti le relazioni dei medici, dr. Pietro Pioltelli e dr.ssa Elisabetta Terruzzi , entrambe ematologi dell'Ospedale San Gerardo di Monza. Ma l'auditorium è stato catturato dai racconti dei testimonial, riceventi di midollo osseo che hanno ritrovato la salute e la gioia di vivere grazie al dono di un famigliare o di un volontario sconosciuto che potrebbe vivere anche all'altro capo del mondo.

Mattia Boffi, 30enne di Robbiano, ha letto la toccante lettera di un donatore al suo sconosciuto ricevente; la lettera è di una delicatezza estrema ed esprime l'appagamento totale che prova un donatore quando è chiamato, dopo diversi step di controllo perché la compatibilità tra donatore e ricevente è fondamentale e rarissima, dal Centro per il prelievo di cellule che poi saranno trasfuse nel paziente ammalato. "Il donatore è sconosciuto - conclude Mattia dopo la lettura, il ricevente sono io."

Abbiamo ascoltato poi le toccanti testimonianze di un giovane che, circa un anno e mezzo fa, ha donato il midollo osseo al padre che non aveva trovato un altro donatore compatibile nel database nazionale e proseguire la ricerca avrebbe significato arrivate troppo tardi... Il padre era tra il pubblico, commosso, ma in buona salute.

Importante anche le testimonianze di Pinuccia Barzaghi di Giussano, che ha ricevuto il midollo osseo dalla sorella Giancarla, unica della famiglia ad avere una compatibilità sufficiente a salvarla. E ancora Francesca Spreafico ed Alberto Galli, nostri concittadini, donatori non consanguinei; che non conoscono le persone a cui hanno salvato la vita, ma hanno notizie circa il loro stato di salute e tanto basta per renderli "eroi".

"Eroi", ha proprio usato questo termine Davide Santini, Vicepresidente Regionale A.D.M.O. Lombardia. "E' un eroe chi salva la vita a un'altra persona, ha affermato Santini – A.D.M.O. cerca eroi.". E poi ha ricordato la sua esperienza, perché anch'egli si era trovato nel 2013 nella condizione di dover dipendere dal dono delle cellule di una persona che, spinta dalla generosità, un giorno aveva deciso di fare la tipizzazione.

Donatori e riceventi non sono gli unici protagonisti di questo intervento. Lo ha raccontato Floriana Elli, giussanese, che ha optato per un servizio di volontariato molto speciale e dinamico: il trasporto di cellule dal centro di prelievo all'Ospedale dove avviene la trasfusione. Succede spesso che il donatore si trovi negli Stati Uniti ed il ricevente in Australia ed il compito di Floriana (e degli altri "angeli" gestiti dal Nucleo Operativo di protezione Civile Nazionale", ad oggi 10 mila vite salvate) è di recarsi a prelevare gli speciali frigo presso il Centro di prelievo con i contenitori delle cellule e trasportarli con qualsiasi mezzo, condizioni meteorologiche, o che sia Natale o Ferragosto, in tempo a destinazione. Altrimenti il ricevente non ha scampo, in quanto, in attesa delle cellule sane, viene "preparato" con dosi di chemio terapia che "azzera" il suo sistema immunitario.

In sala anche Luca Poggiali, Coordinatore della "A.S.D. Giovani Giussanesi", che dopo un casuale incontro con Santini, ha deciso di promuovere e sostenere A.D.M.O. apponendo il logo dell'associazione sulle nuove maglie dei giovani ciclisti.

Sono intervenuti: anche Vincenzo Zappino in rappresentanza dell'Amministrazione comunale, presente insieme ad altri Consiglieri comunali ed il Consigliere Nazionale A.I.D.O. Lucio D'Atri che ha ricordato quanto l’amicizia fra le due Associazioni A.I.D.O. ed A.D.M.O. sia forte come testimonia l’appartenenza comune alla “Rete del Dono”, siglata anche a livello di Regione Lombardia sabato scorso insieme alle altre Associazioni A.D.I.S.C.O., A.Do.Ce.S., A.V.I.S., C.R.I., F.I.D.A.S., Fratres.

Hanno moderato la serata Rosella Sanvito, storica speaker A.I.D.O. Giussano ed il Presidente A.I.D.O. Giussano Piero Gallo.

Ufficio Stampa A.I.D.O. Sezione Provinciale M.& B.       

torna su