AIDO Provinciale Ragusa

www.aido.it/vittoria__ragusa_
« indietro

Campagna solidale con il BRACCIALE SALVAVITA

22/02/2021
Campagna solidale con il BRACCIALE SALVAVITA

A.I.D.O Associazione Italiana per la Donazione di Organi, tessuti e cellule svolge un lavoro costante per la sensibilizzazione e la corretta informazione dei cittadini relativamente ad un tema così importante. Lo sa molto bene il Presidente Giorgio Pluchino della Sezione AIDO Provinciale di Ragusa.

Questa, con il Presidente del Gruppo Comunale di Ragusa Maurizio Pluchino, la Presidente del Gruppo comunale di Scicli  dott.ssa Katia Trovato e il Presidente del Gruppo comunale di Ispica Preside Maurizio Franzò, insieme ai volontari dei tre Gruppi Comunali hanno adottato il “Bracciale Salvavita AIDme” personalizzato in colore rosso e logato AIDO RG come gadget utile e significativo essendo un dispositivo utile alla tutela della persona che lo indossa.

L’offerta di questo bracciale, iniziativa singolare per la provincia di Ragusa, crea un valore aggiunto ad una comunità già ricca di grande senso civico. Contenendo il gruppo sanguigno, il consenso alla donazione degli organi, le patologie, i numeri di emergenza e molti altri dati medico-sanitari salvavita importanti, rende molto più semplice far avvicinare i nuovi maggiorenni alla donazione di organi.

Il bracciale salvavita AIDme, contenente tutte le informazioni medico-sanitarie di chi lo indossa, relativamente anche al risultato del test Covid-19, sarà distribuito ai ragazzi delle superiori e agli over 65.

Aido Provinciale Ragusa continua la sua attività di sensibilizzazione per far crescere i consensi alla donazione di organi: con grande orgoglio, in soli dieci mesi di attività dalla nascita del Gruppo comunale “Damiano Pluchino”, la struttura locale si è classificata prima in Sicilia e al 10 posto in Italia con un incremento dei donatori del 110%, confrontandosi con le più grandi province del Paese.

Clicca quì per visualizzare il video di presentazione dell'iniziativa.

IO DONO, NON SO A CHI, MA SO PERCHÉ
LA VITA È UN DONO E DONARE È VITA

torna su