AIDO Provinciale Monza e della Brianza

www.aido.it/monza___brianza
« indietro

A.I.D.O. Giussano Incontra gli studenti delle Medie in presenza

17/05/2021
A.I.D.O. Giussano Incontra gli studenti delle Medie in presenza

Ad oltre un anno di assenza dalle scuole, i volontari A.I.D.O. di Giussano si sono rimboccati le maniche e, dopo essersi organizzati in mini-gruppi coordinati tra loro, hanno ripreso i contatti con le referenti scolastiche della Scuola Media “Alberto da Giussano”. Lunedì 3, martedì 4 e 11 maggio i mini-gruppi hanno finalmente ricominciato l’attività divulgativa tra gli studenti.

Racconta Piero Gallo, Presidente A.I.D.O. di Giussano e relatore ”Lo scorso anno abbiamo dovuto annullare tutte le nostre iniziative e ci sarebbe molto dispiaciuto perdere l’occasione di parlare di donazione e trapianto ai giovani anche quest’anno”.

Il progetto iniziale prevedeva 4 mini-gruppi formati da un relatore ed un testimone, ma a causa di un imprevisto abbiamo rischiato di mandare a monte tutto il piano” ricorda Ombretta Rosa, testimone e ricevente di organi “Non ci siamo persi d’animo, in pochi minuti avevamo già rivoluzionato il programma e superato le difficoltà”.

Grazie alla grande intesa che si è creata tra noi, in 6 ore distribuite su 3 giorni abbiamo incontrato 270 studenti” spiega Rosella Sanvito, Vice Presidente del Gruppo comunale, uno dei relatori.

Nell’a.s. 2019/20 non siamo riusciti a incontrare i ragazzi delle classi seconde, perciò abbiamo pensato di recuperarle durante la terza, prima che uscissero dalla Scuola Media” continua Anna Morello, Consigliere del Gruppo e testimone “così, nel giro di pochissimo tempo ci siamo ritrovati a parlare in 12 classi di seconda e di terza media.”

Da qui la necessità di dividerci ed operare in classi diverse, nelle stesse date e nelle stesse ore” informa Anna Rita Proserpio, relatrice e moglie di un ricevente di cuore.

“L’idea di creare più gruppi è stata vincente, anche perché nelle classi, per ragioni di distanziamento, sono accettate solo due persone” – spiega Mattia Boffi, testimone e ricevente di midollo.

Per Alessandro Paleari che, a 25 anni, è il più giovane relatore del Gruppo: “È stata una bellissima esperienza, sia per i ragazzi che per noi. Gli studenti hanno posto tante domande, segno che erano molto interessati all’argomento.”.

Ufficio Stampa A.I.D.O. Sezione Provinciale M.& B.

torna su