AIDO Regionale Veneto

www.aido.it/mestre___regionale_veneto
« indietro

RIPARTIRE DA UN SÌ

21/06/2021
RIPARTIRE DA UN SÌ

Nell’accogliente e prestigiosa chiesa di Santa Maddalena a Isola della Scala, si è svolta domenica 13 giugno l’Assemblea intermedia Aido Regionale Veneto, ospitata dall’amministrazione comunale e dal locale Gruppo Aido. Non poteva darlo che Aido uno dei primi e forti segnali di ripartenza dopo la pandemia che ha bloccato tutte le attività: non si può perdere tempo con la vita e non si può arrestare il cammino dei volontari impegnati a promuoverla.

A presiedere la riunione, composta dai presidenti di tutte le Province venete, oltre che dal Consiglio regionale, e da molte autorità, il rappresentante di Aido Nazionale, Daniele Damele affiancato dal segretario Giorgio Donaggio.

Ha aperto i lavori il presidente regionale Aido Luca Cestaro che nel suo saluto ha ricordato come Aido regionale stia lavorando in sinergia con le Sezioni provinciali e con i Gruppi comunali per portare avanti il messaggio del dono, e ha ringraziato il sindaco Stefano Canazza e l’assessore Liliana Bazzani per la loro presenza. Il nuovo Consiglio, eletto a ottobre, nonostante le restrizioni ha avviato tutti i contatti possibili con le varie realtà Aido, con le altre associazioni del dono, nonché con le Istituzioni, e accolto le indicazioni pervenute da Aido nazionale.

Dopo l’esposizione dei bilanci, ha preso la parola il dr. Pantaleo Corlianò, Direttore del Coordinamento Regionale Trapianti Veneto, che ha illustrato l’attività del Coordinamento nell’ultimo periodo evidenziando l’importanza dell’attività di Aido volta a sensibilizzare le persone ad esprimere la propria volontà alla donazione, ed ha messo in evidenza come la formazione degli operatori degli uffici anagrafici per attuare il progetto "Una scelta in Comune", sia di fondamentale importanza (il 70% dei Comuni italiani sono abilitati ad accettare le dichiarazioni di volontà attraverso la carta d’identità).

Durante l’assemblea sono stati letti i messaggi inviati dal presidente della Regione Luca Zaia e dell’assessore Manuela Lanzarin. Zaia nel suo saluto ha ribadito come l’attività dei trapianti in Veneto non si è fermata neppure in quest’ultimo anno, anzi è aumentata rispetto al 2019.

Non è mancata la presenza del ricercatore di Fondazione Banca degli Occhi di Mestre Stefano Ferrari, che ha confermato gli ottimi risultati raggiunti dalla fondazione nella raccolta di cornee.

A margine della seduta i presidenti provinciali hanno alternato i loro interventi per esprimere le difficoltà che si vivono a livello provinciale e comunale, rispetto a molti temi che stanno a cuore a tutta l’associazione come l’abbattimento delle quote sociali, la destinazione del 5 per mille.

Da tutti gli interventi e dalle conclusioni del presidente Damele, è emersa la grande capacità di ascolto tra i vari livelli associativi, e soprattutto il grande desiderio di proseguire con fiducia nel “Percorso di un SI’” che ogni giorno prende forma nelle realtà dei gruppi per portate avanti con tenacia e convinzione i valori Aido a favore della vita, del dono e della solidarietà.

torna su