AIDO Regionale Emilia-Romagna

www.aido.it/bologna__regionale_
« indietro

PARMA F.C. CON AIDO NAZIONALE: “LA DONAZIONE È UN GIOCO DI SQUADRA”

23/03/2012
Questo lo slogan della nuova campagna di sensibilizzazione, che costituisce il primo atto della collaborazione avviata con l’ACCORDO siglato a Parma il 21 marzo 2012. Nella sala stampa del Tardini, il presidente del Parma F.C. Tommaso GHIRARDI e il vicepresidente AIDO Nazionale Gabriele OLIVIERI hanno sottoscritto l’intesa per la quale la Società crociata fino al 30 giugno 2014 sarà testimonial di AIDO Nazionale; erano presenti anche l’altro vicepresidente di AIDO Nazionale Mirella MANCUSO, il presidente della Sezione Provinciale AIDO Parma Stefano CRESCI con la consigliera Pina LOMBARDO – visibilmente commossa – nonché il dottor Enzo CAPOCASALE della Clinica chirurgica e Trapianti d’organo dell’Ospedale Maggiore di Parma. Nelle parole del presidente del Parma Ghirardi i motivi e gli auspici di questa collaborazione: “Sono molto onorato di avere avuto questa possibilità, e a dir la verità sono anche un po’ emozionato. Il calcio purtroppo ancora non veicola molti messaggi positivi e io mi sto sforzando, sia in ambito parmigiano che in ambito nazionale come consigliere di Lega, di portare qualcosa di nuovo in questo senso. Non è facile affrontare temi come quelli delle donazioni e dei trapianti, che sono particolarmente delicati. AIDO con il suo operato contribuisce a dare ogni giorno una speranza di vita a chi, senza la possibilità di un trapianto, non potrebbe averla: per noi, come detto, è un onore poter dare il nostro sostegno ad una attività così importante. Ringrazio AIDO Nazionale e ringrazio la signora Pina Lombardo che per prima mi ha prospettato l’opportunità di definire l’intesa che oggi firmiamo”. A nome del presidente nazionale Vincenzo Passarelli, impossibilitato a partecipare, il vicepresidente AIDO Nazionale Olivieri ha ringraziato vivamente la disponibilità del Parma F.C. ad affiancare l’azione dell’Associazione, mirata prioritariamente ad accorciare le troppo lunghe liste d’attesa per i trapianti, attraverso la sensibilizzazione e la promozione quanto più ampia possibile della cultura della donazione, della solidarietà e della giustizia sociale. Concetto ribadito dall’altro vicepresidente AIDO Nazionale Mancuso, che ha sottolineato l’importanza fondamentale di avere testimonial amati dalla gente e ascoltati dai giovani. Bisogna che la donazione degli organi dopo la morte arrivi ad essere considerata una cosa normale, naturale; e si può favorire questa evoluzione anche rassicurando sulle procedure che vengono seguite, stabilite da una legge tra le più garantiste al mondo in materia. Il presidente della Sezione AIDO Parma Cresci ha ricordato come, con questo accordo, il Parma prosegua una tradizione di testimonial gialloblù inaugurata con campioni come Cannavaro e Gilardino, aggiungendo che “ora il Parma avrà un milione e duecento mila tifosi in più, e per la nostra Sezione è un onore poter vantare un testimonial nazionale che sia parmigiano, specie se importante e prestigioso come la nostra squadra di calcio”. In serata, più di 250 persone hanno partecipato all’incontro conviviale organizzato alla Casa della Gioventù di Baganzola per festeggiare la firma dell’accordo. Oltre al presidente della provincia di Parma Vincenzo BERNAZZOLI, al presidente del Parma F.C. GHIRARDI, all’ad Pietro LEONARDI, al direttore della area tecnica Antonello PREITI, al consulente dell’area tecnica Antonio IMBORGIA, alla responsabile dell’Ufficio Legale del Parma Silvia SERENA, ai vicepresidenti AIDO Nazionale OLIVIERI e MANCUSO, allo staff tecnico del Parma F.C. al completo con mister Roberto DONADONI e il team manager Sandro MELLI, hanno partecipato alla serata anche i giocatori crociati. Nell’occasione, il presidente della Sezione AIDO parmigiana CRESCI e la sig.a LOMBARDO hanno consegnato al presidente Ghirardi un “oscar della solidarietà”. Nella foto in alto: da sinistra S. Cresci, T. Ghirardi, M. Mancuso, G. Olivieri, e davanti P. Lombardo. Nelle foto in basso: Ghirardi (a sinistra) e capitan Stefano Morrone (a destra) compilano l’iscrizione all’AIDO.
torna su