AIDO Provinciale Imperia

www.aido.it/imperia
« indietro

L'Aido distribuisce agli enti benefici i doni ricevuti per il 40° anniversario.

27/02/2013
I doni, che consistono in alimenti, saranno distribuiti presso: la Comunità Educativa Padre Giovanni Semeria di Coldirodi (IM), al Convento dei Frati Cappuccini di Imperia e alle Suore Clarisse delle Logge di Santa Chiara. L’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule oggi festeggia il suo 40° compleanno ed ha ricevuto in dono, in un periodo di crisi e di aumento della povertà, un quantitativo di generi alimentari da una società operante nel commercio alimentare della provincia d’Imperia. La Sezione AIDO di Imperia, opera come attività nel settore socio-sanitario ed ha l’esclusivo perseguimento di solidarietà sociale, collaborando con altre associazioni di volontariato, non ha esitato ad acquisire i generi alimentari avuto in dono. Il Presidente Dr. Bruno Battistin collaborato dal segretario provinciale Corrado Milintenda e da altri colleghi della Sezione, hanno provveduto insieme al Presidente della Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia “Sezione Attilio Ballalì Elvio Sismondo, Michele Langone e Adriano Stuani, a distribuire gli alimenti presso: la Comunità Educativa Padre Giovanni Semeria di Coldirodi (IM), al Convento dei Frati Cappuccini di Imperia e alle Suore Clarisse delle Logge di Santa Chiara, attivamente impegnati, a soddisfare le esigenze dei singoli Istituti Religiosi. Sappiamo che le nostre Suore e i nostri Padri tendono la loro mano ai bisognosi che a Loro si rivolgono. Agli operatori dell’AIDO, e ai Finanzieri in congedo, tutti volontari, sono stati rivolti manifestazioni di solidarietà e vicinanza, alla consegna degli alimenti. Un’ esperienza già collaudata, con la consegna di un importante quantitativo di vestiario ricevuta da un commerciante imperiese e donata la vigilia di Natale ad Enti Caritatevoli. Esperienza che può essere nuovamente ripetuta, sostiene Corrado Milintenda, aiutare il prossimo o chi ne ha bisogno, e un obbligo morale soprattutto per chi opera ed appartiene ad Associazioni di volontariato. Un sentito, quanto giusto ringraziamento alla direzione aziendale benefattrice, assicurando che la loro donazione ha raggiunto il benefico scopo. La storia continua, noi ci mettiamo serietà, passione ed entusiasmo. (Riviera24.it)
torna su