AIDO Provinciale Alessandria

www.aido.it/alessandria
« indietro

EMOZIONI

21/04/2014
Una full immersion nella solidarietà quella di sabato 22 marzo all’Assemblea annuale della “Granda”, si proprio di solidarietà che però non vuol dire “essere soli”, come spesso mi dicono i bambini delle scuole elementari che incontro sul mio cammino di volontaria Aido, ma che significa condividere con gli altri sentimenti, opinioni, difficoltà, dolori e non solo sul piano puramente teorico, ma concretamente con gesti di infinita, tangibile umanità. Che bello, spontaneo, significativo, corale l’applauso agli operatori sanitari dell’ospedale di Alba quando Elvio, il padrone di casa, ci dice, con voce che tradisce l’intima partecipazione, che su sei osservazioni di morte cerebrale, sei sono stati i “si!” E allora pensi che quando si raggiungerà a livello nazionale questo risultato la triste espressione “liste d’attesa” sarà cancellata dal vocabolario di chi vive nella speranza di quella “chiamata” che ancora per molti, per troppi, non giungerà mai! Poi che emozione trovarti fianco a fianco con tante persone sui cui visi leggi, in un’alternanza di espressioni: amore, tenerezza, riconoscenza, gioia, ma anche tristezza contenuta, dolore mai sopito e così conosci Marco, trapiantato da 25 anni accompagnato dai suoi due splendidi bambini e guardi negli occhi e piangi con loro, sì piangi, con i due giovani nonni di Rebecca, donatrice a tre anni . Conosci Marina che da 15 anni vive grazie al dono di una persona “speciale”, forse il figliolo o la figliola di una di quelle tante mamme, Giovanna, Pinuccia, Anna, Agnese, Adriana Cristina, Rinuccia che, con il volto segnato dal dolore ma gli occhi rivelanti serenità, le siedono accanto. E torni a casa con il cuore che batte più forte, hai nelle orecchie le espressioni di profonda umanità che, anche nel dolce dialetto della tua terra, esprimono partecipazione, riconoscenza e ancora una volta di più sei fiera di far parte di quel milione e mezzo di “persone” che con l’iscrizione all’Aido dicono, sostengono, affermano ad alta voce: “Il trapianto è vita”! Graziella Giani
torna su