AIDO Provinciale Modena

www.aido.it/modena
« indietro

Modena è leader regionale per i donatori. Emilia Romagna sopra la media nazionale.

30/04/2014
In totale gli organi prelevati negli ultimi 12 mesi sono stati 304. Donazione e trapianto: i dati dell’Emilia-Romagna superiori alla media nazionale, e Modena eccelle in regione. I numeri sono tratti dal Rapporto sulle attività di donazione e trapianto in Emilia-Romagna pubblicato dal Centro riferimento trapianti (CRT-ER) che coordina l’attività nella regione. Nel 2013 «sono state 14 le rianimazioni regionali che hanno segnalato al Crt-ER potenziali donatori di organi, 5 in meno rispetto all'anno precedente». E leader regionale per i donatori segnalati «è stata l’Azienda Usl di Modena-Baggiovara, con 36 segnalazioni, seguita da Parma con 25». In tutto sono stati 106 i donatori di organi e tessuti nel 2013 in Emilia-Romagna, pari a 24,4 donatori per milione di abitante, a fronte di una media italiana di 18,6. Gli organi prelevati (rene, cuore, fegato, pancreas e polmone) sono stati 304, di cui 277 trapiantati (91,1% dei prelevati), mentre le opposizioni al prelievo si sono attestate al 22,9% dei donatori segnalati dalle strutture sanitarie regionali (29,6% la media nazionale). Alla rete nazionale dei trapianti è stata inoltre offerta la disponibilità di 14 reni, 4 cuori, 3 polmoni. La rete regionale dell’Emilia-Romagna per la donazione e il trapianto di organi e tessuti «conferma dati di attività superiori alla media nazionale, nel contesto di un sistema di qualità, capace di utilizzare al massimo le opportunità di donazione in condizioni avanzate di sicurezza». Questi risultati sono stati ottenuti nonostante nel 2013 si sia verificata una riduzione dei decessi in terapia intensiva (- 97 casi) e la parallela diminuzione di persone decedute in terapia intensiva con lesioni encefaliche (-50 casi). L’età media dei donatori in regione è stata nel 2013 di 61,3 anni (era 59,1 nel 2012, 58,4 nel 2011). L’avanzare dell’età media dei donatori è la causa a livello nazionale della generale forte diminuzione di donazioni di cuore. Tuttavia l’Emilia-Romagna ha effettuato nel 2013 lo stesso numero di trapianti dell’anno precedente (20), pari a 4,6 per milione di abitanti, superiore al dato nazionale di 3,7. I trapianti di rene sono stati 29,2 per milione di abitanti (25,3 la media italiana), 26,5 di fegato (16,8 l’Italia), 2,3 di polmone (2,4). Ed ora entriamo nel dettaglio. Per quanto riguarda il rene, sono stati 147 i trapianti (149 nel 2012) nei tre Centri di Parma (53 i trapianti all'Ospedale Maggiore),Modena (27 al Policlinico), Bologna (67 al S. Orsola-Malpighi). Sono invece stati 115 i trapianti di fegato (119 nel 2012), nei Centri di Bologna (72 trapianti al S. Orsola- Malpighi) e Modena (43 al Policlinico). Di questi trapianti, 5 (4 a Bologna e 1 a Modena) sono stati effettuati con la tecnica split, che permette da un unico donatore di effettuare trapianti su due persone. L’indice di trapianto si conferma molto alto: 117,3%, a conferma dell’efficienza dei Centri trapianto regionali che utilizzano organi non trapiantati in altre regioni. In Emilia-Romagna è attiva la lista di attesa unica per il trapianto di fegato. Questo prevede l’allocazione di ogni organo donato al ricevente in condizioni più gravi, indipendentemente dalla sede di iscrizione in lista (Bologna o Modena). Al 31 dicembre 2013, le persone in lista d’attesa erano 256 (226 nel 2012). I tempi medi di attesa sono di circa 2 anni. La sopravvivenza in Emilia-Romagna a 5 anni dal trapianto è superiore al 71%(74% il dato italiano). Da notare che un trapiantato a Modena ha 92 annidi età. L’attività delle banche regionali dei tessuti ha poi permesso di trapiantare in Emilia-Romagna complessivamente 4.303 tessuti (4.046 nel 2012). Sono stati effettuati 582 trapianti di cornea (624 nel 2012) e 78 di sclera (membrana bianca dell’occhio, 82 nel 2012), 242 trapianti di cute (174), 616 di segmenti osteotendinei (616) e 2.474 di osso lavorato (2.253), 250 di membrana amniotica (202); sono state inoltre trapiantate 12 valvole cardiache (16) e 49 segmenti vascolari (79). In Emilia-Romagna sono stati inoltre eseguiti 113 trapianti allogenici (erano stati 118 nel 2012) di cellule staminali emopoietiche; sono stati inoltre eseguiti 386 trapianti di midollo osseo autologo (cellule dello stesso paziente, erano stati 326 nel 2012). Sono state raccolte e certificate dalla Banca regionale del policlinico Sant’Orsola-Malpighi di Bologna 296 unità di sangue cordonale (260 nel 2012), pronte per essere utilizzate in bambini affetti da leucemia in tutto il mondo. La banca del sangue del cordone ombelicale dell’Emilia-Romagna, con oltre 4.000 unità conservate e pronte all'utilizzo, è la seconda banca italiana per quantità di sacche certificate e immesse nella rete mondiale. (modenaqui.it)
torna su